Paolo Pellegrin – Confini di Umanità


Paolo Pellegrin

La mostra fotografica, realizzata appositamente per Pistoia – Dialoghi sull’uomo, propone sessanta scatti, in parte inediti, di uno dei fotografi più apprezzati nel panorama mondiale, grazie al suo impegno e all’innovativa estetica documentaria. Realizzate in Algeria, Egitto, Kurdistan, Palestina, Iraq e Stati Uniti, le immagini sono accompagnate da un video dello stesso Paolo Pellegrin, realizzato in America per indagare le linee razziali che ancora dividono il Paese, confini invisibili ma ancor più insormontabili di quelli fisici. Le immagini coprono un arco temporale di quasi trent’anni, sviluppando, per sottrazione e opposizione, l’impervio percorso della convivenza, ostacolata da muri, guerre, mari in tempesta e deserti, ovvero tutte le frontiere, naturali e artificiali, visibili e invisibili, che dividono, imprigionano e isolano gli esseri umani. La mostra ci conduce dunque lungo i confini dell’umanità, per mostrare lo sforzo continuo, ma necessario, alla base della convivenza.

→ Leggi Tutto

OPENDAY Corso Triennale di Fotografia e New Media


Vieni a scoprire la prima scuola di fotografia contemporanea di Firenze.

Durante l’Open Day i nostri docenti presenteranno il programma e tutte le novità del Nuovo Corso Triennale di Fotografia e New Media.  Scopri il corso

Dopo la presentazione potrai partecipare a una lezione aperta e avere un assaggio pratico di quello che facciamo qui alla FSM seguendo un vero e proprio percorso che va dalla scelta delle luci, allo scatto della foto, al processo di post-produzione fino allo sviluppo in camera oscura e alla stampa della fotografia che ti verrà consegnata come risultato finale di questa esperienza da fotografo professionista.

 

Iscriviti all'Open Day

Nome (*):

Cognome (*):

email (*):

n°tel (*):

Seleziona la data di interesse(*): 11 settembre 17.3021 settembre 16.303 ottobre 17.30

Come ci hai conosciuto?
amici/parentiGoogleForum/blogFotografoex studenti FSMaltro

Privacy *
Inviando il presente modulo di contatto accetto che i dati inseriti siano utilizzati allo scopo di fornire le informazione richieste ai sensi del Reg. (UE) 2016/679 (General Data Protection Regulation). Per ulteriori informazioni clicca qui.

*=campo obbligatorio

 

→ Leggi Tutto

Respect


RESPECT di Antonio Gibotta​, a cura di Enrico Stefanelli​. Digital Media Partner Canon Italia​.
Evento promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.

I progetti in mostra :

1. Serbia. Bloccati nel gelo di Belgrado, Serbia. Sono mesi ormai che centinaia di migranti, per lo più afghani, siriani e iracheni, nel loro cammino di avvicinamento ai confini dell’Unione Europea, hanno trovato rifugio nei depositi abbandonati lungo la ferrovia a Belgrado . Temono di essere respinti e per questo evitano le strutture di assistenza ufficiali. Ma in questi giorni le temperature che spesso arrivano a venti gradi sotto zero, rendono la vita in questi asili di fortuna un vero inferno polare. Molte scene ricordano quelle vissute dai deportati in Europa ai tempi della Seconda Guerra Mondiale. E’ una catastrofe umanitaria.

2. U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali – Viaggio della Speranza in collaborazione con UNITALSI.Napoli, stazione centrale. Una mattina frenetica come tante, treni in partenza, valigie, corse. Tra gli altri è in partenza anche il Treno Bianco, destinazione Lourdes. Non è un treno come tutti gli altri, nei corridoi dei vagoni si sentono voci di bambini, i loro pianti e le loro risate, preghiere sussurrate, brusii lenti e soffocati. Si respira dolore, forza, speranza. C’è un treno di emozioni che forse non verranno pienamente interpretate dalle mie fotografie. In 30 ore di viaggio ho scoperto il significato più intimo della sofferenza ma anche dell’amore incondizionato. La sofferenza e la malattia non ha del tutto strappato a questi pellegrini la voglia di vivere, nello sguardo di tutti c’è una flebile luce, dettata dalla forza della Fede. Il cammino di un pellegrino. Questa è la storia di Enzo, affetto da spasticità. E’ uno dei pellegrini più anziani dell’UNITALSI, un buon uomo, che ha fronteggiato quest’esperienza con tenerezza e semplicità. La sua solitudine lo schiaccia giorno dopo giorno: è solo la forza della fede a farlo sentire amato, e mai abbandonato.

3. Festival di Holi. Holi è la festa più colorata e divertente del calendario indiano e cade durante la luna piena del mese di Phalgun che corrisponde al mese di Marzo del calendario gregoriano. Questa festa ha molti elementi simili al nostro Carnevale: durante i tre giorni di festeggiamenti, in ogni città, villaggio, strade e campagne, folle di giovani, vecchi e bambini giocano gettandosi addosso polveri coloratissime miste ad acqua. E così in pochi minuti abiti, visi e strade si colorano e tutto appare come in un paese da fiaba, come se si stesse cavalcando un arcobaleno. Il passaggio dall’inverno alla primavera non potrebbe essere più gioioso e colorato. Durante il festival le differenze fra caste si annullano e, in qualche villaggio, c’è l’usanza divertente di dare un’occasione di rivincita alle donne. Con lunghi bastoni di legno ragazze e signore battono giocosamente sul capo degli uomini protetti da uno scudo.

4. Gli Infarinati. Ogni 28 dicembre a Ibi, in provincia di Alicante, in Spagna, si tiene la cosiddetta “Battaglia degli Infarinati”. È una festa in cui gli abitanti si dividono in due gruppi: un gruppo, gli Enfarinat (gli infarinati), simula un colpo di Stato; l’altro cerca di restaurare l’ordine. I due gruppi si sfidano a colpi di farina, acqua, uova e fumogeni colorati. La festa esiste da 200 anni ed è parte delle celebrazioni collegate al giorno della Strage degli Innocenti, il giorno in cui secondo il Vangelo il re della Giudea, Erode, ordinò il massacro di tutti i neonati allo scopo di uccidere Gesù. La festa inizia alle 8:00 del mattino, quando gli Enfarinat invadono la città, la conquistano ed eleggono un sindaco che stabilisce le regole da rispettare durante la giornata.

→ Leggi Tutto

Like Sugar in Milk


Like Sugar in Milk documenta la scomparsa della più antica religione monoteista al mondo. I Parsi sono gli ultimi seguaci dello Zoroastrismo la religione dell’antica Persia. Oggi vivono in India e la loro comunità sta rapidamente scomparendo. Questo lavoro vuole documentare per immagini i vari aspetti di questa preziosa comunità prima che l’inevitabile accada. Majlend Bramo, fotografo italo-albanese, nel 2008 inizia una collaborazione a tempo pieno con l’agenzia di news Massimo Sestini che lo porterà a lavorare per i principali magazine e quotidiani nazionali. Nel 2014 decide di tornare freelance per riuscire ad approfondire le storie che racconta ed avere un approccio più documentaristico. Negli ultimi quattro anni ha vissuto molti mesi in India, conoscendo a fondo la realtà che documentava, fino alla pubblicazione del suo libro Like Sugar in Milk. Pubblica su giornali nazionali e internazionali come La Repubblica, l’Espresso, New York Times e le Figaro. La mostra darà il via alla 18° edizione del River to River Florence Indian Film Festival.

→ Leggi Tutto

Arcipelago Russia


TerraProject Photographers

 

Una delle ultime statue di Lenin in Estonia, all’interno del castello di Narva. Narva è la terza città più grande dell’Estonia, è situata nel punto estremo orientale dell’Estonia e il suo fiume divide la città dalla città russa di Ivongorod.
L’ immagine fa parte di Arcipelago Russia, il progetto collettivo più recente di TerraProject Photographers nel quale hanno documentato il paesaggio e le persone che vivono in 8 Paesi vicini alla Russia: Bielorussia, Estonia, Finlandia, Lettonia, Lituania, Norvegia, Polonia e Ucraina.
Il lavoro sarà pubblicato questo venerdì su Internazionale e sabato su BuzzFeed.

Sabato mattina alle ore 11 Simone Donati e Rocco Rorandelli lo presenteranno al festival di Internazionale a Ferrara (sala Apollo 2, via del Carbone 35) con Wu Ming 2 e Andrea Pipino.

→ Leggi Tutto

World Report Award 2017


Il Festival della Fotografia Etica ha il piacere di aprire le candidature per il World Report Award 2017 – Documenting Humanity nella categoria Spot Light. Riteniamo che nelle Scuole di Fotografia ci siano nuovi talenti pronti per dare il loro contributo e la loro visione di umanità  attraverso il fotoreportage sociale documentaristico. E’una bellissima opportunità  per poter esporre durante il festival il vostro lavoro, impegno e dedizione. Il lavoro dovrà  essere composto da un minimo di 20 ad un massimo di 40 immagini, e i fotografi che parteciperanno a questa sezione potranno partecipare anche alle altre sezioni del World Report Award – Documenting Humanity. Per ogni ulteriore informazione scarica il bando al link.

→ Leggi Tutto

HAPPINESS ONTHEMOVE APERTA LA OPEN CALL


Anche quest’anno il festival internazionale della fotografia Cortona On The Move lancia il premio che ha contribuito a renderlo famoso in tutto il mondo: HAPPINESS ONTHEMOVE.
Documentare la sofferenza, la guerra e i vari drammi dell’attualità può essere immediato. Purtroppo non mancano le occasioni, né l’interesse per quei racconti fotografici. Raccontare la felicità invece è più complicato.
La sfida che HAPPINESS ONTHEMOVE lancia a fotografi professionisti e amatoriali è trovare delle storie che si allineano con la realtà sottile della felicità. Storie di tutti i giorni, storie apparentemente ordinarie che però ci fanno sorridere e ci offrono spaccati di vita nella sua realistica felicità, non sempre facile, non sempre visibile e sicuramente non stereotipata.
La open call si apre oggi, 10 aprile, e avrete tempo di inviare i vostri lavori fino al 21 maggio 2017. Il vincitore del premio, realizzato in partnership con il Consorzio Vino Chianti e con la media partnership di Pagina 99, si aggiudicherà 5mila euro e vedrà il suo lavoro esposto a Cortona On The Move 2018. Tutte le info qui.

→ Leggi Tutto

Migranti. Sulla rotta balcanica


13315754_1617380001923820_7685545508367066845_n

In occasione della XI edizione del Festival del Viaggio, la Fondazione Studio Marangoni e la Società Italiana dei Viaggiatori sono liete di presentare MIGRANTI. Sulla rotta balcanica, di Rocco Rorandelli.
L’inaugurazione si terrà venerdì 10 giugno alle ore 19 – fsmgallery, via San Zanobi 19r, Firenze.

→ Leggi Tutto