Daniela Tartaglia – Presentazione Campagna Crowdbooks


Siamo lieti di invitarvi alla presentazione in sostegno della campagna Crowdbooks del libro SANT’ORSOLA. FOTOGRAFIE DI UN MONASTERO.
Storie Parole ed Immagini.
Fotografie di Daniela Tartaglia.

Sabato 23 febbraio ore 18.00
fsmgallery – Via San Zanobi 19r
school@studiomarangoni.it
www.studiomarangoni.it

Interverranno oltre all’autrice: Massimo Agus (fotografo), Marion D’Amburgo (attrice), MariaCaterina Frani (regista teatrale), Andrea Macaluso (regista teatrale) , Stefania Zampiga (scrittrice).

→ Leggi Tutto

Della mia dolce Armenia


Andrea Ulivi

Domenica 10 febbraio ore 17.00, presso Lo Spazio di via dell’ospizio, verrà inaugurata la mostra fotografica Della mia dolce Armenia di Andrea Ulivi. Una serie di immagini in bianco e nero, quelle di Andrea Ulivi, che hanno come tema l‘Armenia. La mostra comprende circa quaranta fotografie scattate dal 2009 al 2014.
Già durante il primo viaggio, che il fotografo ed editore ha compiuto in Armenia nel 2008, è sbocciato un amore incondizionato, permettendo al suo obbiettivo interrogante di indagare quei luoghi e offrirsi all’anima di quel popolo.
Essenzialmente sono due i grandi temi toccati: la vita di un popolo antichissimo e i luoghi a questo popolo sacri, i luoghi che hanno costituito la sua identità, la sua “armenità”, la sua spiritualità che affonda le proprie radici nel 301, quando il re dell‘allora Grande Armenia, Tiridate III, convertito da san Gregorio l‘Illuminatore, dichiarò il cristianesimo religione di Stato. Nell’altopiano armeno fioriscono isolati edifici di culto e monasteri, che, come pietre preziose, si ergono dall’aridità del suolo, duro, difficile, assolato, inondato da una luce abbagliante che questi monasteri e piccole chiese, spesso di pietra chiara, rilucono e conservano nell’oscurità del loro ventre, intatta, per poi restituirla come luce mistica.
L‘altro tema è il popolo e la sua identità; gli armeni, con i loro volti gioiosi e tristi, gravi e carichi di senso, un senso millenario, il senso di una genealogia che li ha resi saldi di fronte alle traversie, alla povertà e alle persecuzioni. Molti se ne sono andati formando una delle più importanti diaspore che la storia del mondo ha conosciuto, molti sono rimasti e altri sono tornati in questo nuovo Paese libero e finalmente indipendente. Si vedono bambini, donne, uomini e anziani fieri e consapevoli del loro essere armeni, che neanche il “Grande Male”, il genocidio del 1915, è riuscito a estinguere.
Andrea Ulivi (Firenze, 1960), fotografo, editore e docente, insegna Fondamenti di editoria e Tecniche redazionali presso la Scuola di Editoria di Firenze ed è stato docente incaricato di Fotografia, cinema e televisione presso la Facoltà di Architettura di Siracusa. Nel 1998 fonda a Firenze la casa editrice Edizioni della Meridiana. In campo fotografico ha realizzato varie mostre personali tra cui «Zona Tarkovskij», «San Miniato. Una porta di speranza», «Luce armena», «Della mia dolce Armenia», oltre ai volumi Nel bianco giorno, Luce armena, Il verde e la roccia, Eye Flow, Tracce di vita nel silenzio. L‘antico carcere delle Murate di Firenze, con Marcello Fara, e, con i testi di Lorenzo Bertolani, La speranza è la certezza. Ha esposto le sue opere fotografiche in Italia, Armenia, Europa, Stati Uniti. È curatore per l‘Italia degli scritti del regista Andrej Tarkovskij facendo parte dell‘omonimo Istituto. È fotografo di scena per la Compagnia Versiliadanza e per il Teatro Cantiere Florida di Firenze. Ha scritto saggi di fotografia, letteratura e cinema.

→ Leggi Tutto

Sant’Orsola


La prossima data di presentazione del progetto sarà venerdì 8 febbraio 2019, libreria Todo Modo, Via dei Fossi 15 rosso, Firenze.
La campagna di sostegno alla pubblicazione del libro sarà introdotta da Tomaso Montanari e vedrà – oltre alla lettura fotografica del luogo e alla presentazione della struttura del libro, da parte dell’autrice – gli interventi di Stefano Bianchi (Edizioni Crowdbooks), di Tommaso Sacchi (Responsabile Ass. Cultura del Comune di Firenze ), di Alberto Breschi, Amos Cecchi, Goffredo Serrini (autori dei numerosi testi presenti nella pubblicazione).
Puoi seguire gli sviluppi del progetto e le prossime presentazioni sulla pagina Facebook Santorsolafirenze e condividere con altri amici questa iniziativa.
→ Leggi Tutto

Shoot Me Rock


Il Firenze Rocks è stata un’esperienza indimenticabile per i nostri studenti del Corso Triennale di Fotografia, che si sono impegnati per quattro intensi giorni a documentare il festival di musica rock più importante d’Italia. Inoltre, con il progetto Shoot Me Rock sono stati realizzati oltre 500 ritratti e gli stessi sono stati stampati e consegnati presso il nostro stand all’interno del Visarno Arena. Circa venti studenti, assistiti dagli insegnanti, hanno utilizzato tecniche miste di illuminazione in cui la luce artificiale e la luce naturale creano insieme un ritratto di grande effetto.  Tutto questo coinvolgendo il pubblico del Firenze Rocks che ha portato a casa un ricordo indelebile del festival. Grazie al supporto di Firenze Rocks, Le Nozze Di Figaro, Visarno Arena e lo spazio ZAP – Zona Aromatica Protetta, verrà allestita una mostra con una selezione delle immagini.

Inaugurazione 10 gennaio, ore 18.30  spazio ZAP (Zona Aromatica Protetta), Firenze.

→ Leggi Tutto

SHOOT ME ROCK – LA MOSTRA – I RITRATTI


Shoot Me Rock – Firenze Rocks 2018

Il Firenze Rocks è stata un’esperienza indimenticabile per i nostri studenti del Corso Triennale di Fotografia, che si sono impegnati per 4 intensi giorni a documentare il festival di musica rock più importante d’Italia. Con il progetto Shoot me Rock sono stati realizzati oltre 500 ritratti e centinaia di stampe, consegnate presso il nostro stand all’interno Visarno Arena.

Grazie al supporto di Firenze RocksLe Nozze Di Figaro e lo spazio ZAP – Zona Aromatica Protetta, verrà allestita una mostra con una selezione di queste immagini.

Vi aspettiamo Il 10 gennaio alle ore 18.30 allo spazio ZAP (Zona Aromatica Protetta)
Vicolo di Santa Maria Maggiore n.1
50123 Firenze

Foto in copertina di Gianmarco Rescigno

→ Leggi Tutto

Like Sugar in Milk


Like Sugar in Milk documenta la scomparsa della più antica religione monoteista al mondo. I Parsi sono gli ultimi seguaci dello Zoroastrismo la religione dell’antica Persia. Oggi vivono in India e la loro comunità sta rapidamente scomparendo. Questo lavoro vuole documentare per immagini i vari aspetti di questa preziosa comunità prima che l’inevitabile accada. Majlend Bramo, fotografo italo-albanese, nel 2008 inizia una collaborazione a tempo pieno con l’agenzia di news Massimo Sestini che lo porterà a lavorare per i principali magazine e quotidiani nazionali. Nel 2014 decide di tornare freelance per riuscire ad approfondire le storie che racconta ed avere un approccio più documentaristico. Negli ultimi quattro anni ha vissuto molti mesi in India, conoscendo a fondo la realtà che documentava, fino alla pubblicazione del suo libro Like Sugar in Milk. Pubblica su giornali nazionali e internazionali come La Repubblica, l’Espresso, New York Times e le Figaro. La mostra darà il via alla 18° edizione del River to River Florence Indian Film Festival.

→ Leggi Tutto

Presentazione del libro Isole d’Inverno


Isole d’Inverno di Federica Di Giovanni. Un viaggio fotografico che racconta la realtà delle isole minori italiane durante l’inverno.

Edito da Crowdbooks con l’ introduzione di Erri De Luca.

Il progetto di Federica Di Giovanni si traduce in un viaggio di ricerca tra elementi visivi, richiami alla memoria ed emozioni. Il punto di partenza del lavoro è la sua famiglia e dunque un forte senso di appartenenza e intimità. Viaggiando da un’isola all’altra del Mar Mediterraneo, ha raggiunto in nave l’Isola di Capraia, l’Isola di Lampedusa, Linosa, Pantelleria, Procida, le Pontine, Isole Eolie, Isole Egadi, Isole Tremiti, l’Isola del Giglio e l’Isola Di San Pietro – Taranto per raccontare la realtà delle isole minori italiane, in una stagione che spoglia queste terre dallo stereotipo di paradiso estivo. Le sue fotografie, mostrano una bellezza diversa, scandita dai racconti e dai gesti del quotidiano. “Isole d’Inverno” descrive una mappatura del vicino che rimane lontano, alla ricerca dell’essere isolano come condizione. Ed è proprio durante la stagione invernale, nell’isola di chi resta, che questa condizione si impone. Il mare arrabbiato che non fa partire il traghetto, le manovre della cisterna che porta l’acqua in scogli remoti, la pesca dei calamari, la caccia agli uccelli migratori, il ritrovarsi quotidiano nell’unico bar aperto, e tanti gesti, che si ripetono, e diventano piccole allegorie. Ogni isola è una storia a parte ma appare anche, in qualche modo, uguale alle altre.

→ Leggi Tutto

Rivedute Fiorentine – Un Laboratorio Urbano sulla Città


Mostra finale dei giovani autori che hanno partecipato al laboratorio con Claudio Sabatino, con il contributo di Toscanaincontemporanea2018, Regione Toscana, Giovanisì – Regione Toscana.

Autori in mostra:
Claudio Sabatino, Giorgio AndreoniMonica Di Chio, Micaela Mau, Luca MorgantiniDiego PérezCristina Toni.
L’inaugurazione si terrà martedì 6 novembre ore 18.30 presso la fsmgallery.

Per oltre un mese un gruppo di giovani fotografi, selezionati attraverso una open call, hanno partecipato ad una campagna fotografica su Firenze guidati dal fotografo Claudio Sabatino.

“L’obiettivo del workshop è una campagna di osservazione sulla città di Firenze intesa nella sua complessità di luogo turistico per eccellenza ma anche di importante polo abitativo ed economico.
Permettere di sopravvivere ai flussi turistici per una città come Firenze significa generare processi di organizzazione tali da preservare il tessuto storico dal naturale decadimento, ma anche favorire la crescita e lo sviluppo economico della città contemporanea tutt’intorno.
Il workshop imposta la ricerca fotografica sull’osservazione della città attraverso un’operazione sistematica che inquadri i monumenti, architetture e paesaggi in una sequenza d’immagini che ciascun studente/fotografo dovrà realizzare.
Si sceglieranno degli assi di percorrenza che mettano in relazione il centro storico con la parte “extramoenia” secondo un approccio concordato nelle discussioni di gruppo. Assi di percorrenza che potranno essere “fisici” cioè basati su l’urbanistica o la geografia del luogo ma anche assi “concettuali”, basati ad esempio su tematiche sociologiche.”

Claudio Sabatino

→ Leggi Tutto

In Cartoons di Lucia Baldini


Dal 12 al 18 ottobre, in occasione dei Brera Design Days, gli spazi di Refin Studio di via Melone ospiteranno il progetto fotografico In Cartoons di Lucia Baldini, promosso da Baleri Italia e ispirato alla collezione Cartoons di Luigi Baroli, Compasso d’Oro 1994. Contestualmente alla mostra, l’azienda presenterà anche una nuova versione di Cartoons, alta 150 cm e disponibile in una selezione più ampia di colori. 

Lucia Baldini è una fotografa toscana che da anni lavora nel mondo delle arti e dello spettacolo: dal suo incontro con Cartoons è nato un progetto che ha portato il rinomato paravento in un viaggio alla scoperta di Firenze e di chi quotidianamente vive la città. I protagonisti sono professionisti di settori  differenti, persone che con le loro attività rappresentano modelli positivi e la vera identità del territorio (dal direttore di ricerca della Normale di Pisa allo scrittore pluripremiato, dall’artista riconosciuto a livello internazionale alle donne impegnate nella ricerca contro il cancro). Ogni scatto racconta dell’incontro tra Cartoons e un diverso personaggio, ritratti insieme nell’ambiente più emblematico per lo stesso. Cartoons diventa così un ospite con cui ognuno è chiamato a interagire liberamente, raccontandosi anche attraverso questo versatile oggetto di design. Omaggio al padre di Cartoons, uno scatto con lo stesso Luigi Baroli, che si aggiunge ai volti toscani e alle loro storie.

→ Leggi Tutto