Gonzaga Photography Festival 2019


Lo spazio intorno a noi, i luoghi che abitiamo e percorriamo con il nostro corpo, gli esseri umani con i quali interagiamo, gli eventi, gli oggetti, le cose.
Tutto è relazione nella presunta realtà che caratterizza la nostra esistenza, tutto si articola in una sorta di perenne conflitto in cui la connessione tra soggetto e oggetto (nonché tra individuo e mondo) è tanto più ambigua quanto più apparentemente vera.
Il meccanismo della conoscenza, ovvero di quella particolare proprietà che nel genere umano determina il concetto più ampio e complesso, quanto pericolosamente scivoloso, di cultura, è dunque allo stesso tempo un aspetto concreto della nostra vita e un elemento di indeterminatezza che è strettamente connesso alla questione della percezione e dell’estetica.
Cosa vediamo di ciò che ci circonda? Cosa è la realtà? Cosa percepiamo veramente? E perché alcune cose ci interessano più di altre? A queste domande non è semplice dare risposte. Ciò che è possibile affermare è che il processo di conoscenza passa attraverso quesiti che non fanno altro che determinare nuove perturbanti domande, in un percorso infinito che non porta alla verità assoluta e che si manifesta come un divenire pluridirezionale e orizzontale piuttosto che come una costruzione verticale di certezze ineludibili.

La conoscenza rappresenta, quindi, un problema e non una soluzione, e questo problema non può che essere accostato alla questione della coscienza soggettiva. L’individuo che si relaziona con il presunto reale effettua un atto psichico molto fragile la cui unica sicurezza è determinata dal sentimento che si genera nell’esperienza della percezione, ovvero il principio archetipico dell’estetica.

Diecixdieci Photography Festival 5th Edition, Coscienza Conoscenza. 27.09/06.10/2019

→ Leggi Tutto