An Oscar?


31st October 1930: Canadian star Norma Shearer (1902 – 1983) receives a Best Actress Oscar from Conrad Nagel (1897 – 1970), for her role in ‘The Divorcee’. The two co-starred as lovers in the film, which was directed by Robert Z Leonard. (Photo by John Kobal Foundation/Getty Images)

Si, è vero, non abbiamo vinto l’Oscar. Mi dispiace deludervi. Invece, abbiamo vinto ben tre Videography Awards USA 2016! Il più importante, un Videography Award for Excellence per il nostro video
TÈAS – Italian Engineering Design Automation.
È stata apprezzata sia per gli aspetti tecnici sia per la colonna sonora scritta appositamente per noi da Simone Colegni aka MuDa. Abbiamo trascorso più di trent’anni di attività nel mondo delle presentazioni aziendali per cui siamo stati particolarmente lieti di ricevere questo premio nella categoria corporate. []

Per leggere gli altri articoli dell’autore, segui questo link.

Edward Rozzo

→ Leggi Tutto

Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze


Interpretazione fotografica degli spazi della sede storica

Quattro studenti selezionati del secondo anno del Corso Triennale Professionale hanno sviluppato insieme alla docente e fotografa Barbel Reinhard un progetto che interpreta gli spazi della sede della Fondazione Cassa di Risaparmio. seguendo ognuno una propria ricerca personale e creativa.
L’approccio di Giulia Del Sorbo (*1993 Lucca) è di cogliere lo spazio da un punto di vista motto rawicinato, attento al dettaglio
e alle simmetrie degli oggetti. Giuseppe Guariglia (” 1988 Salerno) ha scelto di affrontare il tema restituendo il luogo istituzionale come si presenta, alternando visioni ampi e con dettagli, mantenendo inalterata l’atmosfera solenne. Matteo Lodolo (* 1991 Empoli) invece ha enfatizzato i vari spazi della Fondazione usando luci artificiale. unendo visioni d’insieme con particolari. li lavoro di Teresa Bucca (* 1994 Firenze) si distingue per una visione attenta al morbido ed awolgente bagliore presente nella sede, che scopre marmo, ferro e tutti i rivestimenti in legno con una dolcezza che per lei appartiene a pochi interni fiorentini. Barbel Reinhard (* 1977 Stoccarda) ha interpretato lo spazio in dittici, unendo due fotografie distinte in un’ immagine, creando una continuità visiva tra dettaglio e struttura. Da oltre 25 anni la Fondazione Studio Marangoni ha formato una generazione di fotografi. molti dei quali si sono contraddistinti nel panorama fotografico internazionale con progetti di indiscusso valore artistico. Il metodo d’insegnamento adottato guarda alla fotografia come disciplina artistica incoraggiando la personalità e le necessità espressive del singolo individuo. Lo scopo principale della scuola è fornire agli allievi gli strumenti culturali e tecnici necessari per real izzare i loro progetti attraverso un lavoro autoriale che sia al tempo stesso consapevole degli sbocchi professionali offerti dal mercato fotografico attuale. Parte integrante dell’offerta formativa sono i numerosi workshop che permettono agli allievi di conoscere professionisti di fama internazionali e lavorare in contesti lavorativi con una visione personale e creativa ma anche sensibile alle necessità del committente

→ Leggi Tutto

La paura del Branded Content


Da un interessante articolo di Aaron Taube sull’aumento del ROI da parte delle aziende che investono in branded multimedia content pubblicato l’anno scorso sul sito Contently.com, prendiamo una serie di ricerche che hanno stabilito l’importanza dell’utilizzo del video all’interno di qualsiasi tipo di comunicazione cross-platform.
L’articolo non è basato soltanto sui risultati eclatanti ottenuti attraverso l’utilizzo di contenuti video, ma si sofferma sopratutto sulla titubanza continua da parte dei marketing manager nel trasferire gli investimenti da comunicazioni tradizionali a quelle di branded content concepite per i Social Media. []

Per leggere gli altri articoli dell’autore, clicca qui.

Edward Rozzo

→ Leggi Tutto

Agusta


 

Edward Rozzo

 

Piet Mondrian è noto al grande pubblico per i suoi quadri astratti di campi colorati divisi da linee nere. Mondrian era convinto che quadri del genere, che lui associava al suo concetto di Neo-Plasticismo, avvicinassero alla “verità” come realtà spirituale. Mondrian sposava il pensiero dei Teosofici, cioè il pensiero di Rudolf Steiner.

Confesso che non propongo questa immagine come rappresentazione della “verità” spirituale. Ma ammetto che quando ho visto questo fianco di un elicottero Agusta 109, il lavoro di Mondrian mi è balzato in mente proprio per l’associazione dei colori a lui così cari. Ma ho visto, in questa semplice inquadratura, anche una serie di elementi che richiamavano, semioticamente, la storia della pittura e, per certi versi, la storia post-moderna della nostra esistenza. Mi chiedete come? []

AZIENDA         AGUSTA
PROGETTO     COMPANY PROFILE
ANNO               1982

Edward Rozzo

Per leggere altri articoli dell’autore, clicca qui.

→ Leggi Tutto

Storytelling e Football Americano?


Siamo continuamente alla ricerca di conferme sull’effettiva efficacia dello storytelling strategico. Come si fa a valutare se vale la pena spendere €5.000.000 per uno spot di trenta secondi durante il Super Bowl?
Beh, è proprio quello che si sono domandati due ricercatori della John Hopkins University (USA), Keith A. Quesenberry e Michael Coolsen.
Dopo aver studiato per due anni ben 108 spot mandati in onda nel corso delle varie stagioni del Super Bowl, hanno cercato di comprendere se l’efficacia di questi contenuti fosse dovuta alla comicità o all’emotività, al sex appeal o all’amore per i cuccioli, insomma qual è a questi livelli produttivi, l’ingrediente segreto per il successo? []

Edward Rozzo

→ Leggi Tutto

Birra Wuhrer


Edward Rozzo

Durante la mia carriera, sono sempre stato molto legato alla bellezza delle forme industriali. Inquadrando quasi sempre in formato quadrato, si riusciva a creare sensualità e movimento dove, ad occhio nudo, c’erano solo tubi e macchinari. In nessuna occasione questo si è reso più evidente che nel documentare la produzione della birra a Brescia, nello stabilimento della Birra Wuhrer. Le caldaie di rame sono, di per sé, molto belle, ma nella mia inquadratura ho decontestualizzato la caldaia dall’ ambiente industriale, enfatizzando sia la materia sia la sinuosità del tubo in uscita. Grazie al fascino che crea l’incisione del mezzo fotografico, la materia diventa quasi pittorica e la forma del tubo diventa elegante e sensuale nel suo uscire dalla caldaia stessa. Per me, questa era la gioia di essere un fotografo industriale.

AZIENDA        BIRRA WUHRER
PROGETTO    COMPANY BROCHURE
ANNO              1979

Edward Rozzo

→ Leggi Tutto

Marketing Narrative


Ci sono varie tecniche per narrare una storia e non tutte richiedono la struttura tradizionale dello storytelling.
Qualche volta, basta un accenno ad una complicazione (una crisi esistenziale oppure una semplice scelta tra due possibili fidanzati) e l’idea di storytelling diventa una narrazione semplice.
Parliamo di Marketing Narrative, un approccio che unisce una struttura leggera di storytelling ad una narrazione di luoghi, servizi o prodotti. []

Edward Rozzo

Per leggere gli altri articoli dell’autore, Rozzo Plus.

→ Leggi Tutto

Creare il Branded Content


Sembra che tutti abbiano letto lo stesso libro, tipo “Come Scrivere un Blog Post” dove qualche “esperto” spiega che bisogna ridurre il pensiero a “5 Modi Migliori di…” oppure “10 errori più comuni per….” oppure “3 abitudini dei super-manager”. Non ce la faccio più. Anche se il format degli elenchi di cose da imparare rende più facile l’apprendimento, alla fine la mia pagina Linked-In sta diventando una pattumiera di idee inutili diffuse da finti esperti che espongono idee banali. Ridurre tutto ad un elenco numerato per convincermi che ci sono “6 cose che devo sapere prima di uscire di casa”… Credo proprio che molti di noi sapranno sempre di meno, persi nella tempesta di cose che dobbiamo assolutamente conoscere prima di fare il prossimo respiro! Ma, alla fine, ho ceduto anch’io, dietro richieste di vari clienti, studenti e aziende. Ho veramente creato una scheda per far capire un percorso di 5 passi per creare del branded content. Pazzesco! Sono un cretino. Ho fatto esattamente quello che critico negli altri ma questa volta, spero di darvi qualcosa di utile. Certo, qualsiasi elenco è troppo semplice. Il processo è in realtà molto complesso ma un elenco può aiutarvi a mettere in ordine e ad interiorizzare i concetti proposti. E questo è un inizio nel capire le cose.
Se ti può interessare il mio “Come Creare Branded Content per la tua Azienda”, devi solo cliccare qui e scaricare il file. Oppure anche passare su http://www.rozzoplus.com  per non perdere i nostri contenuti e gli ultimi aggiornamenti. Spero che vi sia utile!

 

Edward Rozzo

[Tutti gli articoli di Edward Rozzo qui] → Leggi Tutto

Boehringer Mannheim


Edward Rozzo

 

La sfida nel settore industriale, per me, è sempre stata la creazione d’immagini interpretative, immagini d’impatto, da crearsi in ambienti di confusione visiva. Le fabbriche, anche le più avanzate, sono luoghi strani, affascinanti per diversi punti di vista ma relativamente incomprensibili ad un occhio non esperto. Quindi spesso il mio lavoro era non solo interpretativo, ma anche esplicativo.
Come in quest’immagine, che ritrae l’interno di una piccola cisterna dove pillole farmaceutiche vengono letteralmente spruzzate di colore in maniera che il paziente, o l’infermiera di turno, non confonda queste pillole con altre di formulazione diversa. Ovviamente, le conseguenze di un tale errore possono minacciare il paziente anche gravemente. []

AZIENDA         BOEHRINGER MANNHEIM
PROGETTO     COMPANY BROCHURE
ANNO               1989

Edward Rozzo

Per leggere tutti gli articoli dell’autore, clicca qui.

→ Leggi Tutto

Chiesi Farmaceutica


Edward Rozzo

 

Le aziende farmaceutiche hanno un compito molto difficile: devono comprovare che gli effetti collaterali di qualsiasi nuova medicina siano il meno dannoso possibile. Come si fa? Si prova la nuova medicina su dei pazienti. Ovviamente, qui sta la complicazione; quali pazienti? E se la medicina produce degli effetti collaterali che mettono in pericolo la vita del paziente? Come è possibile saperlo a priori, senza un numero sufficiente di tentativi effettuati? []

AZIENDA         CHIESI PHARMA
PROGETTO     COMPANY BROCHURE
ANNO               1991

Edward Rozzo

Per leggere altri articoli dell’autore clicca qui.

→ Leggi Tutto