Concrete Flowers di Francesca Manolino


concrete-flowers_francesca-manolino

CONCRETE FLOWERS
di Francesca Manolino

Evento di pre-apertura del 16° River to River Florence Indian Film Festival

Inaugurazione sabato 3 dicembre ore 18
finger food indiano con vino gentilmente offerto da Barone Ricasoli

La mostra sarà visitabile fino al 31 gennaio 2017
dal lunedì al sabato con orario 15/19, o su appuntamento
fsmgallery – via San Zanobi 19r, Firenze
Tel 055 481106 exhibitions@studiomarangoni.it
Ingresso libero
La galleria sarà chiusa per vacanze natalizie dal 22 dicembre al 10 gennaio compresi

Una mostra fotografica che racconta l’India degli ossimori: a Ghazipur, la periferia di Delhi, dove, tra i palazzoni di cemento, trova posto la poesia di un enorme mercato dei fiori, in cui si scoprono uomini burberi, dal sorriso severo, aprirsi a una luce tenera e diversa mentre stringono tra le mani bouquet colorati, e, poco lontano, a Bhuapur Village, donne invisibili che abitano grattaceli e che si spostano in corridoi tutti uguali.

Francesca Manolino, nata a Torino nel 1987, si è diplomata in fotografia presso lo Ied e l’Ecole Nationale Superieure des Arts Décoratifs a Parigi. Lavora attualmente per l’agenzia Luz; le sue opere sono state esposte a Torino, Parigi, Firenze e Bangkok e pubblicate su testate nazionali e internazionali. I suoi lavori sono influenzati anche da una laurea in Antropologia, e gettano uno sguardo critico su problemi sociali e ambientali.

Nelle opere esposte, infatti, uomini con una mano dietro la schiena, in segno di ritrosia, mostrano rossori e sorrisi timidi tra mazzi di fiori, mentre donne vagano per i corridoi, nascondendosi, spesso invisibili a una società poco attenta ai diritti del mondo femminile. Dice la fotografa: “Negli ultimi tre anni ho trascorso un lungo periodo in India, e ho deciso di usare un approccio intimo e metaforico per raccontarla. Mi piace indagare la relazione tra uomo e ambiente, l’architettura per me racconta il paesaggio umano, riflettendo lo spirito della società, in cui io cerco di introdurre un punto di vista positivo, stanca dei media in cui emerge solo il lato negativo”. Continua: “ll Bhuapur Village è un insieme di torri gemelle: una bellezza dissonante avvolge questo labirinto di scale, le ripetizioni di piani in una discontinua e grezza armonia. Le donne che lo abitano vagano per i corridoi tutti uguali come pesci che nuotano in un acquario. Chiudono tende e diventano tende. Si nascondono dietro pilastri e lentamente ne assumono la freddezza. Alcune diventano grigie, si confondono con il paesaggio stesso o ne diventano parte tanto da non poterle quasi più intravedere. Altre cercano la bellezza in un leggero decoro e nel sole che, a volte, coraggioso invade questi spazi. A pochi passi da qui, a Ghazipur Phool Mandi, c’è invece l’enorme mercato dei fiori della capitale, con l’incantesimo in cui, ad ogni angolo, uomini si circondano di un alone di tenerezza non appena stringono tra le loro mani un mazzo di fiori. Ecco, con questa mostra ho voluto raccontare gli ossimori della periferia indiana”.

Il 16° River to River Florence Indian Film Festival, diretto da Selvaggia Velo, si svolgerà dal 3 all’8 dicembre presso il nuovo cinema La Compagnia (via Cavour, 50r) di Firenze. In programma 25 film tra prime nazionali, europee e mondiali, oltre a eventi collaterali, alla presenza di registi e attori, tra cui l’attore di Sandokan, Kabir Bedi, che sarà l’ospite speciale dell’edizione di quest’anno. Si indagherà la società indiana vista dalla strada e tra la gente comune, la condizione delle donne – tra desideri e emancipazione – e i diritti civili nell’India contemporanea. Il festival è Inserito nell’ambito della 50 Giorni di cinema internazionale a Firenze.

→ Leggi Tutto

OBTAIN•IUM


unnamedSabato 22 ottobre 2016 alle ore 18:00 presentazione del libro di Nicola Carignani OBTAIN•IUM presso fsmgallery, via San Zanobi 19r, Firenze. Obtain-ium è un viaggio fotografico realizzato da Nicola Carignani all’interno della comunità di artisti e musicisti residenti nella zona di Joshua Tree, nel deserto del Mojave (California). Con il suo tocco ironico ed elegante, Nicola ci racconta una serie di incontri eccezionali con individui stravaganti, le loro creazioni e i loro luoghi. Un viaggio verso una profonda intimità con la propria libertà espressiva. Obtain-ium [to obtain v.t. ob-tained, ob-tain-ing, ob-tains plus -ium: chemical element or group] è una lega metallica immaginaria che si ottiene fondendo oggetti abbandonati nel deserto con chincaglierie acquistate nei thrift stores tipici della zona del Joshua Tree, tra California e Arizona.

→ Leggi Tutto

Arno Immaginario Collettivo – Inside Visions


cartolina_imm-inside-front

La Fondazione Studio Marangoni ha il piacere di presentare Arno immaginario Collettivo, un triplice lavoro fotografico sull’Arno che ha coinvolto fotografi locali, internazionali e giovani fotografi. Il progetto si è concentrato sul rapporto tra la città di Firenze e il suo elemento naturale più imponente, il fiume. Chi è cresciuto intorno alle sue rive, chi ne ha fatto esperienza di formazione, chi infine è arrivato da lontano e ne ha interpretato il ruolo.

A seguito di un periodo di studio e di produzione, sono state previste tre differenti restituzioni pubbliche, tre momenti espositivi del lavoro collettivo che da settembre a novembre, anniversario dei 50 anni dall’alluvione, coinvolgeranno la città in un percorso di ricostruzione collettiva dell’immaginario intorno all’Arno.

La seconda iniziativa, dal titolo “Inside Visions“, presenterà il lavoro sul fiume ad opera di tre fotografi toscani: Paolo Cagnacci, Matteo Cesari e Daniela Tartaglia.

Inaugurazione venerdì 14 ottobre ore 18 fsmgallery
via San Zanobi 19r, Firenze. Fino al 30 novembre 2016.

Il progetto “Arno Immaginario Collettivo” è nato dalla collaborazione tra Fondazione Studio Marangoni e Regione Toscana nell’ambito del progetto Toscanaincontemporanea2016, Comune di Firenze, progetto Riva, Mus.E e Le Murate PAC. La mostra “Inside Visions” è stata inserita nel programma della 12a Giornata del Contemporaneo.
La Giornata del Contemporaneo è l’evento che, dal 2005, AMACI (Associazione musei d’arte contemporanea italiani) dedica all’arte contemporanea e al suo pubblico. Sabato 15 ottobre i musei associati ad AMACI, accanto a tutte le istituzioni del Paese che liberamente decidono di aderire all’iniziativa, aprono gratuitamente le loro porte per eventi, mostre, conferenze e laboratori. Informazioni: www.amaci.org

→ Leggi Tutto

Mostra degli studenti del I & II anno


13406864_1623549977973489_3124834813373695666_n

Mostra degli studenti del I & II anno del Corso Triennale di Fotografia 2016 di Fondazione Studio Marangoni. L’ inaugurazione si terrà venerdì 24 giugno alle ore 18,30 presso la fsmgallery, via San Zanobi 19r, Firenze. La mostra rimarrà aperta fino al 5 agosto 2016, dal lunedì al venerdì con orario 15/19, o su appuntamento.

→ Leggi Tutto

Migranti. Sulla rotta balcanica


13315754_1617380001923820_7685545508367066845_n

In occasione della XI edizione del Festival del Viaggio, la Fondazione Studio Marangoni e la Società Italiana dei Viaggiatori sono liete di presentare MIGRANTI. Sulla rotta balcanica, di Rocco Rorandelli.
L’inaugurazione si terrà venerdì 10 giugno alle ore 19 – fsmgallery, via San Zanobi 19r, Firenze.

→ Leggi Tutto