La canzone di Tkvarcheli di Maria Gruzdeva


Maria Gruzdeva

Maria Gruzdeva si è aggiudicata la prima edizione del Premio Basilico che ha registrato la partecipazione di 42 giovani autori da 28 Paesi e 5 continenti, indicati da 29 selezionatori internazionali. Il Premio Basilico consiste nello stanziamento di 15.000 Euro che il vincitore – indicato da una giuria internazionale composta da critici, curatori, docenti, direttori di musei, specialisti di fotografia e arti visive – deve investire in una ricerca fotografica destinata a essere pubblicata e messa in mostra. Il progetto proposto da Maria Gruzdeva, si intitola La canzone di Tkvarcheli. E’ rivolto alle trasformazioni che vive oggi la città di Tvarcheli, situata nel territorio caucasico dell’Abbazia, prima “carbon town” dell’epoca sovietica, ridotta oggi a città fantasma all’aspetto post apocalittico. Paesaggio, abitanti e documenti sono i tre elementi narrativi del racconto, fatto di straordinaria immediatezza, spontaneità e profondità, che la giovane artista utilizza nell’analisi di ciò che resta e resiste della città, della sua economia industriale, degli abitanti sopravvissuti. Il lavoro di Maria Gruzdeva “è potente perché spontaneo – commenta Roberta Valtorta. Riferisce di un’epoca economica e sociale oggi finita e della guerra che ha colpito quei territori all’indomani del crollo del Muro di Berlino in un modo immediato nel quale si legge il desiderio di capire e di raccontare”.

Ancora due giorni per vedere la mostra presso la Fondazione Riccardo Catella, Milano. Fino al 29 aprile 2017.

→ Leggi Tutto

World Report Award 2017


Il Festival della Fotografia Etica ha il piacere di aprire le candidature per il World Report Award 2017 – Documenting Humanity nella categoria Spot Light. Riteniamo che nelle Scuole di Fotografia ci siano nuovi talenti pronti per dare il loro contributo e la loro visione di umanità  attraverso il fotoreportage sociale documentaristico. E’una bellissima opportunità  per poter esporre durante il festival il vostro lavoro, impegno e dedizione. Il lavoro dovrà  essere composto da un minimo di 20 ad un massimo di 40 immagini, e i fotografi che parteciperanno a questa sezione potranno partecipare anche alle altre sezioni del World Report Award – Documenting Humanity. Per ogni ulteriore informazione scarica il bando al link.

→ Leggi Tutto

HAPPINESS ONTHEMOVE APERTA LA OPEN CALL


Anche quest’anno il festival internazionale della fotografia Cortona On The Move lancia il premio che ha contribuito a renderlo famoso in tutto il mondo: HAPPINESS ONTHEMOVE.
Documentare la sofferenza, la guerra e i vari drammi dell’attualità può essere immediato. Purtroppo non mancano le occasioni, né l’interesse per quei racconti fotografici. Raccontare la felicità invece è più complicato.
La sfida che HAPPINESS ONTHEMOVE lancia a fotografi professionisti e amatoriali è trovare delle storie che si allineano con la realtà sottile della felicità. Storie di tutti i giorni, storie apparentemente ordinarie che però ci fanno sorridere e ci offrono spaccati di vita nella sua realistica felicità, non sempre facile, non sempre visibile e sicuramente non stereotipata.
La open call si apre oggi, 10 aprile, e avrete tempo di inviare i vostri lavori fino al 21 maggio 2017. Il vincitore del premio, realizzato in partnership con il Consorzio Vino Chianti e con la media partnership di Pagina 99, si aggiudicherà 5mila euro e vedrà il suo lavoro esposto a Cortona On The Move 2018. Tutte le info qui.

→ Leggi Tutto

Con lo sguardo dell’altro


Gea Casolaro

“Con lo sguardo dell’altro” è il titolo della più ampia personale finora dedicata a Gea Casolaro, l’artista romana che dal 2009 si divide tra Roma e Parigi. Dal 7 aprile fino al’11 giugno l’esposizione, a cura di Claudio Crescentini, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, in collaborazione con The Gallery Apart, è ospitata negli spazi del MACRO.

A cosa starà pensando la persona accanto a te? (2008) è il poster emblematico che l’artista propone come incipit della mostra. La riflessione che l’artista mette in atto si concentra sulla necessaria rimessa in discussione del punto di vista soggettivo, a favore di una visione collettiva e comunque più ampia e complessa della realtà.

Dal 7 aprile all’11 giugno 2017. MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma.

→ Leggi Tutto

Levallois Prize 2017


Jonathan Llense

Levallois Prize team is delighted to announce the opening of candidacies for Prix Levallois 2017.

Open to all forms of photographic expressions, the international Prize welcomes submissions from young photographers aged under 35. The winner of the Prize receives a grant of 10,000 Euros and a two-month long exhibition at the Galerie de L’Escale in Levallois (near Paris, France), in October-November 2017. The prize also rewards a new talent with a “Mention Special Prize witch will be also exhibited in fall. After the votes of the Jury, the Laureates will be annouced at Rencontres d’Arles, the 5th of July.

Candidacies are open on our online platform until 2 May 2017. A shortlisted list of 15 photographers will be announced online the 12 of May, opening the votes for The Audience Award. The Audience Award will be also presented with the Winner and the Special Mention during the exhibition and will also win an Olympus Camera.

Whether is narrative, aesthetic, technical or formal terms, the Levallois Prize wishes to highlight young photographers’ creative research through its selection. Last year, more than 700 candidacies were received from 70 countries! For applications here.

→ Leggi Tutto

DUMMY BOOK AWARD – ARLES 2017


For the third consecutive year, in 2017 the Rencontres de la photographie is offering an award to fund the publication of a dummy book.
Endowed with a €25,000 production budget, the award is open to all photographers and artists using photography who submit a previously unpublished dummy book. Experimental and innovative forms will receive special consideration.
Deadline 31 March 2017!

→ Leggi Tutto

FORMAT17 – HABITAT


Dal 24 marzo al 23 aprile 2017 FORMAT esplorerà il tema dell’HABITAT attraverso narrazioni ed immagini che documentano il mondo intorno a noi. Esploreremo esperienze e storie che si fondono nella nostra stessa complessa esistenza. HABITAT volge lo sguardo all’ambiente, al paesaggio, alle migrazioni, alla mobilità, al digitale, all’idea di casa e spostamento, ai conflitti e alle rigenerazioni e a tutto ciò che ci circonda. Tutto il programma qui.

→ Leggi Tutto

Women in Photography


Women in Photography is an innovative website founded by artists Amy Elkins and Cara Phillips that showcases the work of women artists. The internet-based project focuses on exhibiting work outside of the traditional model of the commercial art world, allowing it to reach a global audience and to provide opportunities at no cost. Mixing emerging photographers, mid-career and established artists, WIPNYC’s curatorial focus is to feature the diversity of work being made by women artists. Women in Photography has collaborated with many independent women curators, Aperture Foundation, LACMA, MoCP, Lesile Tonkonow, Lightwork, P.P.O.W Gallery and Humble Arts Foundation. In 2009 Women in Photography launched its first grant program.

→ Leggi Tutto

Vivian Maier a colori


Vivian Maier

Dopo Milano, arriva anche a Roma la mostra Vivian Maier. Una fotografa ritrovata che ricostruisce la sua produzione, rimasta nascosta per più di quarant’anni. La mostra, al museo di Roma in Trastevere fino al 18 giugno, oltre a presentare 120 foto in bianco e nero scattate a New York e Chicago tra gli anni cinquanta e sessanta, propone dei materiali meno conosciuti come le immagini a colori degli anni settanta e i filmati in Super 8.

Come scrive il curatore e scrittore Marvin Heiferman: “Anche se scattate decenni or sono, le fotografie di Vivian Maier hanno molto da dire sul nostro presente. E in maniera profonda e inaspettata. Maier si dedicò alla fotografia anima e corpo, la praticò con disciplina e usò questo linguaggio per dare struttura e senso alla sua vita conservando però gelosamente le immagini che realizzava senza parlarne, condividerle o utilizzarle per comunicare con il prossimo”.

→ Leggi Tutto