The Birth of Industrial Photography


Lewis Hine – Icarus, Empire State Building

From manufacturing to social awareness to industrial power.

The relationship between the photograph and industry has been continuous since photography’s beginnings. Whether to brag about the amazing things done and built or simply to show people how things were made, photography was the obvious media for both its mobility as well as its informative power. The industrialization of society was overwhelming both for the creation of new products, therefore new markets, as well as the engagement of millions of farmers and craftsmen flooding urban centers in search of a better life. The dream of a better life was an illusion for most and the conflict between owners and workers became one of the major conflicts of western society. The photographers themselves soon understood that they were photographing amazing changes in society through the industrial process and some, like Lewis Hine, realized that those changes were not always beneficial to the workers. His photography revealed the atrocious use of children, often malnourished, dressed in rags and without shoes, in various industries. And these same photographs forced the American congress to change the laws governing child labour. But Hine was also in marvel of the beneficial changes that industry made on society as can be seen by his documentation for the construction of the Empire State Building. The daring size and height of the building gave people hope that their lives and fortunes would grow as well. Photography was witness to it all.

Lewis Hine

 

Edward Rozzo

→ Leggi Tutto

Foto/Industria


Thomas Ruff

 

La macchina fotografica non è un semplice dispositivo meccanico di registrazione ottica per l’artista-ricercatore Thomas Ruff, ma piuttosto una potente macchina per la creazione di immagini con cui trasformare gli elementi della realtà in nuovo materiale visivo.

Durante FOTO/INDUSTRIA 2017, dal 12 ottobre, scoprite le immagini di Ruff alla mostra curata da Urs Stahel presso la Fondazione MAST.

Foto: Thomas Ruff – 1183, 2004
C-print, Diasec Face
© Thomas Ruff, by SIAE 2017

→ Leggi Tutto

Umberto Coa al VISA POUR L’IMAGE 2017 – PERPIGNAN


Il nostro studente Umberto Coa, diplomato al corso triennale di fotografia, selezionato al VISA POUR L’IMAGE 2017. Una grande iniziativa targata Canon che, sempre di più, è impegnata nel promuovere gli eventi culturali legati alla fotografia, supportando i giovani che intraprendono la carriera di fotografi o videomaker. Undici scuole coinvolte, undici studenti scelti per volare con Canon a Perpignan. Ecco l’esperienza vissuta da alcuni di loro.

→ Leggi Tutto

Sistematica vegetale


Dal 22 settembre 2017 ore 21 in  Piazza dei Tigli, in occasione dell’evento NUOVI CANTIERI CULTURALI ISOLOTTO organizzato dalla Compagnia Virgilio Sieni, la Fondazione Studio Marangoni allestirà una mostra fotografica dal titolo Sistematica Vegetale: organizzazione e categorizzazione del regno vegetale.

La mostra si svilupperà in due periodi:

Nel primo mese saranno esposte le fotografie delle due studentesse Giulia Del Sorbo e Sofia Leone. Successivamente sarà in mostra il lavoro di Monica Taverna.

La relazione tra l’uomo ed il paesaggio è il tema trasversale di questo progetto in collaborazione con Virgilio Sieni e la altre realtà del territorio.  La Partecipazione a una riflessione sul territorio” attraverso il linguaggio fotografico ha stimolato il nostro interesse e ha trovato, nel lavoro di alcuni nostri studenti, la confluenza perfetta per sottolineare quanto alcuni luoghi della città ritrovano nuova vita attraverso le arti figurative.  Negli ultimi anni la Fondazione Studio Marangoni è stata  impegnata in un lavoro di ricerca sulla “città in movimento, città che cambia”. L’Arno e la Tramvia sono stati i soggetti principali della ricerca fotografica dell’ultimo biennio. La selezione che va in mostra nell’ambito del progetto “nuovi cantieri culturali isolotto” è una selezione di tre giovani fotografe: Giulia Del Sorbo con “ ritratto naturale”  sceglie gli alberi per la loro forma e li rappresenta come in un ritratto, dando loro una dignità che li distingue dal resto del bosco; Sofia Leone con  “Gli uomini hanno case: ma sono verande” indaga il rapporto intimo con le piante ornamentali all’interno di appartamenti; nelle immagini di Monica Taverna dal titolo “Metamorphosis”, è rappresentata l’esperienza di due esseri umani che, tentando di oltrepassare la barriera vegetale sulle rive dell’Arno, finiscono per confondersi con essa in un processo di lotta e trasformazione, una metamorfosi dall’umano al naturale che sembra realizzarsi realmente nel momento tanto desiderato del contatto con l’acqua del fiume.

→ Leggi Tutto

Mostra degli Studenti del III anno 2014-2017


Mostra degli studenti del III anno
Corso Triennale di Fotografia 2014-2017

Inaugurazione & consegna dei diplomi
venerdì 29 settembre ore 18,30, fsmgallery – via San Zanobi 19r, Firenze.
La mostra rimarrà aperta fino al 28 ottobre 2017
dal lunedì al sabato con orario 15/19, o su appuntamento
info@studiomarangoni.it
Tel. +39 055 481106

Fotografie di:
Niccolò Bacchetti Astore, Giulia Del Vento, Lev Fazio, Michela Goretti, Joshua Kercher Jara, Matteo Morsellino, Nicolò Panzeri, Chiara Pezzano, Emilia Rosa Pizzonia, Francesco Taddei.

 

→ Leggi Tutto

Pirelli


Edward Rozzo

 

Fare riprese per il Bilancio Annuale della Pirelli Spa è stato uno dei miei primi lavori con un cliente internazionale. Ero molto su di giri per il lavoro e mi sentivo ben preparato. Di fatto, avevo passato una decina di giorni a fare delle prove di una nuova tecnica che, secondo me, si poteva usare nel campo della fotografia industriale ma che fino a quel momento era solo applicata all’alta moda, cioè la tecnica dell’ open-flash. Questo modo di fotografare consiste nell’ utilizzare un colpo di flash durante un’esposizione molto più lunga.
Quindi, certe aree dell’immagine rimanevano completamente mosse mentre dove colpiva la luce del flash, l’immagine restava nitida e incisa.
Mi piaceva l’idea perché mi permetteva di isolare degli elementi a mia scelta e di nasconderne altri. Questa era un’arma molto importante nelle fabbriche, dove gli ambienti erano spesso sporchi e visivamente disordinati. []

AZIENDA         PIRELLI
PROGETTO     BILANCIO ANNUALE
ANNO               1978
AGENZIA         PIRELLI SPA

Edward Rozzo

[Per leggere altri articoli dell’autore clicca qui.] → Leggi Tutto

Umbria World Fest 017


La sedicesima edizione di Umbria World Fest torna a Foligno (PG), dal 13 al 15 ottobre 2017, con un tema di grande attualità che anima dibattiti non solo in fotografia ma anche nella vita di tutti i giorni: la ‘Post verità’.
Il termine ‘Post-truth’ è stato dichiarato parola dell’anno del 2016 dall’Oxford Dictionary, ed è innegabile che oggi tutti noi riscontriamo grandi difficoltà nel distinguere tra realtà e finzione nei giornali, sui social media, e naturalmente nelle fotografie.
Attraverso i lavori dei fotografi che quest’anno esporranno a Palazzo Trinci e gli incontri aperti di Palazzo Candiotti, cercheremo di esplorare al meglio il ruolo che in questo momento ha la fotografia nelle dinamiche dell’informazione nell’era della rete.
Oramai le immagini sollevano sempre più dubbi da parte dell’opinione pubblica sia come prova, sia come rappresentazione fedele della realtà, per questo sono l’osservato speciale di ogni news. La sezione fotografica, anche quest’anno, è sotto la direzione artistica di Marco Pinna, curatore e Photo Editor di National Geographic Italia, che ha selezionato i lavori fotografici in mostra di questa edizione del Festival. La sezione musicale, come ogni anno, è a cura di Piter Foglietta, organizza- tore e direttore esecutivo del festival fin dalla sua nascita.
Da venerdì 13 fino a domenica 15 ottobre, la città di Foligno nei suoi due palazzi storici, Trinci e Candiotti, diventerà il palcoscenico di mostre, concerti, incontri e confronti tra artisti.
A Palazzo Trinci venerdì sera si inaugureranno le mostre fotografiche di: Daniel Berehulak, Cristina de Middel, Diego Moreno, J. Henry Fair, Max Pinckers, una raccolta di fotografie della NASA, l’archivio L’Espresso, Antonio Faccilongo e Sofia De Benedictis, i cui lavori rimarranno in mostra fino al 12 novembre 2017; Palazzo Candiotti si animerà nelle giornate di sabato e domenica ospitando gli incontri, le letture portfolio, il PhotoBook Lounge e le Premiazioni Umbria Photo Fest.

→ Leggi Tutto

Arrivano i Paparazzi!


Tazio Secchiaroli

Dal 13 settembre, CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia propone la mostra Arrivano i Paparazzi! Fotografi e divi dalla Dolce Vita a oggi, a cura di Walter Guadagnini e Francesco Zanot, che sarà visitabile fino al 7 gennaio 2018 . La mostra si compone di centocinquanta immagini che raccontano l’epopea della “fotografia rubata”, da la Dolce Vita a oggi, in Italia e nel mondo, dove il mondo è soprattutto, anche se non solo, quello dello scandalo e del gossip. “Sono fotografie che hanno segnato per sempre la percezione popolare dei personaggi pubblici, attori, cantanti, politici – commentano i curatori – Donne soprattutto. ‘Rubate’ dei momenti privati, quando, smessa la maschera del ruolo, ridiventano persone (quasi) qualsiasi.”

→ Leggi Tutto

Backlight Photo Festival


The Backlight Photo Festival is an international photography festival in Finland for documentary and contemporary photo art.
The Backlight Photo Festival promotes intercultural dialogue by revealing the hidden, the veiled, the lost and the forgotten. Each festival forms a new unique entity with current social theme, renewed structure and a challenging content with exhibitions and wide-ranging Symposium program.
Main organizer: Photographic Centre Nykyaika, which has organized international photography festival since 1987 in Tampere, Finland. Nowadays festival is organized in co-operation with diverse international and national partners. Info here.

→ Leggi Tutto